right_side

Biografia

Finché si è capaci di sognare

la felicità può esistere

Luciana Navone Nosari nasce a Villar Perosa, da genitori che hanno lasciato Torino per motivi di lavoro. Da qui l’amore che troviamo, nei suoi libri, sia per la Val Chisone sia per la città. Sin dai primi anni della sua vita scopre la passione per il disegno e la pittura e, non appena impara a scrivere, capisce che riempire pagine e pagine di pensieri e impressioni costituisce per lei un’esigenza incontenibile.

immagine-108

L’autrice a 18 mesi, per mano alla sua mamma, davanti alla stazione di Porta Nuova.

° ° ° ° ° ° ° °

° ° ° °

° °

°

immagine-006

A 4 anni, in Val Chisone, vicino a un campo di narcisi…

° ° ° ° ° ° ° °

° ° ° °

° °

°

immagine-003

Insieme ai genitori e al fratello Mario, nella casa di Villar Perosa.

° ° ° ° ° ° ° °

° ° ° °

° °

°

Nell’adolescenza si trasferisce a Torino, che non lascerà più, per proseguire gli studi presso il Circolo Filologico, Istituto ‘rigorosamente’ femminile.

immagine-004

Con alcune compagne di classe del Circolo Filologico.

° ° ° ° ° ° ° °

° ° ° °

° °

 Accarezza il sogno di dedicarsi al giornalismo, ne segue un corso con la speranza e l’intenzione di entrare in una redazione, ma questi obiettivi subiscono una radicale trasformazione quando incontra l’uomo della sua vita.

foto2

Dopo il matrimonio e la nascita dei due figli continua a dipingere e a scrivere con passione. Nel partecipare a mostre personali e collettive riceve alcuni riconoscimenti in concorsi pittorici estemporanei e nel frattempo, prima di dedicarsi esclusivamente alla prosa, cura un’ampia raccolta poetica partecipando, e vincendolo, al concorso televisivo ‘Poeti al video’. Numerose sue poesie vengono pubblicate sui volumi ‘Poeti al video’ e ‘Tendenze poetiche’, entrambi editi da Villar Editore, Roma.

Divide il proprio tempo tra la famiglia (marito, figli e due nipotine, Chiara Luce detta ‘Nocciolina’ e Viola), la pittura su tela, ceramiche, stoffa, découpage e trompe l’oeuil. Sopra ogni cosa, però, nei ritagli di tempo e sovente durante le ore notturne, trasferisce le proprie emozioni e costruisce storie di fantasia su un computer che utilizza come macchina per scrivere.

s6300761

Dalla casa dell’autrice, ‘vista’ sulla Chiesa Madonna degli Angeli e sul tiglio…

s6300762

…tiglio che ha ispirato il secondo libro, Profumo di tiglio

______________________

Purtroppo, la mattina dell’8 marzo 2009, al suo risveglio l’autrice non credette ai propri occhi: nell’affacciarsi sul cortile della chiesa Madonna degli Angeli, con sgomento constatò che il tiglio non esisteva più! Il suo gigantesco, forse secolare o plurisecolare tronco era stato sezionato in tanti pezzi, ma coloro che, con chissà quale maniacale criterio, se non avevano rispettato quel polmone vitale e profumato, si erano premurati di disporre ordinatamente i grandi ciocchi contro il muro della corte.

° ° ° ° ° ° ° °

Fra gli angoli caratteristici della sua città, i palazzi barocchi, le piazze monumentali o in miniatura, ritrova e riscopre l’atmosfera descrittale nel corso dell’infanzia e dell’adolescenza da quei genitori vissuti fra il centro storico, il Po, i ponti, i borghi. E l’aria che si respira, si vive nel ‘borgo’ dove abita attualmente è per lei una preziosa fonte di ispirazione. In quella Torino ‘città magica’ sono infatti ambientate le sue storie, velate di misteri da rincorrere e da svelare, insieme al profumo delle ‘radici valligiane’ che racchiudono i ricordi infantili incontrati dapprima in Carezze di Luce e poi in Profumo di tiglio e Specchi di ghiaccio. Nell’Antologia Turin Tales, un caffè a Torino, riscopre invece una via Garibaldi rivisitata tramite i ricordi della figura materna, dove pare che il caso (ma il caso non esiste!) le abbia fatto re-incontrare l’omino in ceramica dalla testa mobile…

___________________________________

1

CAREZZE DI LUCE

Biografia della madre dell’autrice, a cui è dedicato il libro, come ‘piuma accarezzata da una Luce senza brezza e senza fine’.
Dopo aver ripercorso gli anni della prima guerra mondiale, dell’epidemia di ‘spagnola’, dei numerosi lutti che hanno decimato la famiglia materna, l’autrice descrive i disagi subiti dai genitori e dal fratello col secondo conflitto mondiale, la loro condizione di ‘sfollati’ in seguito ai bombardamenti che ne hanno distrutto la casa, i faticosi tentativi di ricostruzione fino ad arrivare alla sua nascita, ai suoi rapporti con una madre che la seguirà non soltanto in vita, ma anche oltre…
Difatti, volteggiando su memorie e ricordi lontani, ecco giungere la luminosa carezza di una voce che racconta di una dimensione così vicina a noi, così ricca di amore…

‘Leggo e rileggo quanto mi hai detto, con semplicità e determinazione, senza riuscire a credere a quanto mi sta accadendo…

“Sono abbagliata e affascinata da una luce senza inizio, di cui non vedo i confini, rapita da una musica che mi avvolge di note delicate, rassicuranti, divine… Come piuma priva di peso, spinta da una brezza senza vento, sospesa ad un niente-tutto che mi àncora senza trattenermi. Ti vedo vicina a me, lontana da qui, unita al mio sempre…

Rivolgo uno sguardo al’indietro, e scorgo tutto, ma proprio tutto, di me…”

___________________________________

2

PROFUMO DI TIGLIO

E.A.M.

Il profumo del tiglio risveglia in Maddalena il ricordo e la nostalgia per i vecchi amici d’infanzia. Decide dunque di riunirli sotto l’albero ‘magico’ per ascoltare come abbiano trascorso i tanti anni passati lontano da lei, ma un delitto avvenuto nel cortile del palazzo dove abita e la conoscenza di un personaggio enigmatico spingeranno il gruppo a inseguire le tracce del colpevole per smascherarlo. Casualmente è proprio uno di loro, Gualtiero, il commissario di polizia che svolge le indagini sull’omicidio ed è così che i due ex compagni di gioco, tra una Torino velata di misteri e la val Chisone, ricompongono la realtà offuscata dall’enigma. Il primo intreccia una trama dettata dalle esigenze della ragione, mentre la seconda interpreta i fatti cogliendone una trama più profonda, più vera.
In un susseguirsi di continue revisioni della realtà, la storia mette in scena l’eterno conflitto fra ragione ed emozione, risolto a favore di quest’ultima.

- Avete sentito parlare dell’omicidio Federici? – domandai.
- Come no! – intervenne Orfeo, – conoscevo bene quel magistrato!
- Che cosa c’entra con voi due? – si meravigliò Marzia.
- Il delitto è avvenuto nel cortile dell’edificio adiacente, che ha un ingresso in comune con questo palazzo, – precisai e lo stupore fu corale.

È così che Gualtiero e Maddalena, tra una Torino salottiera e corrotta e l’alta Val Chisone, ricostruiscono la realtà offuscata dall’enigma. Il primo intreccia una trama dettata dalle esigenze della ragione; la seconda interpreta i fatti cogliendone una trama più profonda, più vera. In un susseguirsi di continue revisioni della realtà, la storia mette in scena l’eterno conflitto tra ragione ed emozione, risolto a favore di quest’ultima.
 

«Il tiglio era stato attento uditore delle nostre storie e il suo profumo aveva fatto da cornice alle vicissitudini di un epilogo mai scontato, sussurrandoci l’aura di una certezza: quella che al di sopra di ogni dolore e di ogni tragedia, comunque si fossero conclusi i nostri parziali percorsi di vita, la gioia di rimanere uniti avrebbe continuato ad arricchire i nostri cuori…

Le poche foglie superstiti caddero sulle nostre risate: erano foglie di fine autunno, prive di profumo, ma in noi c’era la forza per immaginarlo, evocarlo. Chiudemmo gli occhi, aspettando che diventasse realtà. E puntualmente arrivò, avvolgendoci con la sua magia. Era lì con noi, perché nel sogno sta il segreto della felicità… Finché si è capaci di sognare la felicità può esistere. E, arrivando, sorprenderci ancora una volta. Come ci sorprende la vita. Ché è vita».

___________________________________

 

 

3

SPECCHI DI GHIACCO

 Ananke Edizioni

 La vicenda è ambientata nella Torino delle Olimpiadi invernali. Avvolta dalla magia della fiaccola, la giornalista Luce ritrova Tullio, per il cui abbandono prova ancora un livido rancore, mentre la nobildonna Berenice Dorio cerca invano di affossare l’incubo iniziato quarant’anni prima e di evitare lo specchio di ghiaccio dove compare l’orrore per il suo segreto. L’inarrestabile avanzare dei fantasmi del passato spingerà i protagonisti a sfidare le apparenze di cui sono prigionieri e, nel rincorrere una verità sempre più sorprendente, si imbatteranno in segreti antichi e nuovi nei quali saranno personalmente coinvolti. Il muro innalzato dalle apparenze da cui erano stati accecati cadrà, ma sulle macerie della sua caduta ancora una volta la realtà verrà offuscata da ‘ciò che sembra’. Nello scandagliare un passato e un presente che potrebbero essere paragonati a un deserto orfano di verità ma pieno di insidie, dovranno cercare di capire se quanto si scorge oltre le dune è un ingannevole miraggio piuttosto che l’oasi della rivelazione. Che altro non sarebbe se non l’incontro con il reale.

‘Un lembo di luce profana una notte per ricondurla al passato. Nel cielo senza luna e parco di stelle, mille lumini si immolano alle nubi per infrangerne la coltre e svelare un mistero: piccola, remota e solitaria fiamma nel cieco buio di un sepolcro ammantato dal silenzio, riflesso in uno specchio di ghiaccio.’

___________________________________

I  libri Poeti al video e Tendenze poetiche, nei quali sono state pubblicate alcune poesie dell’autrice.

 

 Scoperte

L’intonso di un’anima / scoperto / dal canto d’un uccello / mentre la fiamma debole / d’una lampada primitiva / ne scioglie i sigilli.

 

Sussulti

Nella pioggia, / il fischio d’un treno, / per il sussulto / di un’anima /  che riposa sul biancospino.

 

Scintille

Come sangue che stilla / da un rosso frutto umano, /cadono ad ogni attimo / piccole scintille di dolore, / sopra un cuore di latta / che batte /i suoi colpi più vuoti.

 

__________________________________

     

 TURIN TALES

       un caffè a Torino

 Lineadaria Edizioni

 In questa antologia, dell’autrice troviamo il racconto Profumo di neve.  Si tratta dell’esaltazione dell’amore che trascende e che può manifestarsi oltre la vita. C’è una rivisitazione di via Garibaldi, le sue chiese e le vetrine di negozi che non ci sono più, ma l’atmosfera del Natale, infiocchettata dalla caduta della neve e ovattata fra le luci di un’epoca passata, rimane intatta. Magica e mai scomparsa. Nell’antologia si susseguono racconti, nati dalla penna di numerosi autori, ambientati nei principali caffè storici torinesi, nonché una raccolta di fotografie, la storia del cioccolato, golose ricette piemontesi e una mappa dei principali musei e delle più caratteristiche caffetterie della città.

 
  _____________________________
 
 
Italiane
 Donne del Risorgimento
e dei giorni d’oggi
 
Lineadaria Edizioni
 
Dell’autrice troviamo il racconto Amiche stelle, ambientato nei pressi di Chieri, nella suggestiva ‘Villa Passatempo’. La protagonista, semplice e ingenua domestica rassegnata da sempre alla sua condizione di dipendenza, narra alle stelle come la tenerezza di un amore assoluto le abbia svelato la forza dei sogni. 
 _______________________ 
 
 VIOLA DI VENTO
WLM edizioni
Romanzo dedicato ai malati oncologici del San Giovanni Vecchio
 
Viola di vento narra una storia avvolta da due misteri. L’uno è legato alle ore buie vissute dalla protagonista, quando si trova in una baita di montagna senza avere alcun sentore di sé. L’altro, più intimo e profondo, riguarda lo sconvolgimento portato nella sua vita da due avvenimenti che le appariranno latori di sentenze rivelatrici. Eppure la protagonista, fra risvolti misteriosi e romantici, riuscirà ad avere la forza di inseguire un sogno…
 
Natalino le si accostò piano, si sarebbe detto con timore. Appoggiò pun gomito sui fili verdi che coprivano la terra e la guardò con un’espressione d’attesa. Lei indugiò a fissare il firmamento, prima di girare il capo verso di lui.
Occhi negli occhi, si osservarono a lungo, senza una parola, poi l’uomo spostò l’attenzione sui riccioli mossi dalla brezza leggera, sul collo, sui seni delicati, sulla curva dei fianchi che la morbidezza dei pantaloni lasciava appena intravedere, sulle ginocchia leggermente piegate.
_____________________
BAGLIORI
WLM edizioni
Bagliori  è una raccolta di poesie divise per temi, quali vita, vento, emozioni, infanzia, amore, dove si intrecciano, per fare qualche esempio, l’idea della solidarietà umana che parte dall’io per arrivare al noi, la forza della natura e del vento che sovrastano emozioni e dolori, la spensieratezza dell’infanzia e il desiderio dell’età matura di conservare l’entusiasmo giovanile.
Nella prefazione da lui curata, Claudio Ozella sostiene che questa raccolta è una cattedrale che ha le sue fondamenta in terra e le sue guglie in cielo.

La copertina  è di Maurizio Giannico.

Rotaie di vento

Fuggire la Vita

su rotaie di vento

per arrivare al fiume

che non ha corrente

______________________

LA LUNA STORTA

WLM edizioni

Antologia “noir” su cui appare il racconto L’uomo dagli occhi di cristallo.
Sofia, la protagonista, è una giornalista torinese che insegue un mistero legato agli occhi di un uomo iniquietante che sembra perseguitarla. La vicenda è ambientata fra Torino e Parigi dove, ai piedi del Sacré Coeur…
_____________
STELLE DI CARTA

Fabrizio è costretto a fuggire da Torino, lasciandosi alle spalle un cadavere e portandosi dietro il marchio di assassino. Si rifugia a Parigi, dove verrà accolto e aiutato da Marie e dai clochards di un campo vicino al Sacré Cœur. Sotto un riparo di cartone e di frasche, si scontrerà con un mondo duro da accettare, ma poco per volta imparerà ad apprezzare il valore dell’amicizia, della solidarietà, della libertà. E sempre di più amerà Torino. Lavinia. Parigi. La filosofia. E le stelle.

Il firmamento, la luna, gli astri del cielo diventeranno i suoi interlocutori. Li dividerà in gruppi, darà loro un nome e rappresenteranno i simboli dei suoi stati d’animo. Si aggrapperà alla fedeltà che gli ispirano per lasciare in serbo al loro luccichio le speranze future.

Nella costante nostalgia di Torino, fra i sobborghi, le piazze, i monumenti della Parigi esaltata dalla sua grandeur soffrirà, lotterà, studierà, lavorerà. Finché la sua vita subirà una svolta. Quando crederà di aver tacitato i sensi di colpa, questi riaffioreranno all’improvviso e lo travolgeranno con estrema violenza. Attraverso nuove, dure e avventurose esperienze si prospetteranno inaspettate svolte. Che sconvolgeranno ancora una volta la sua vita. Quella di coloro che ama. E il percorso delle stelle.

_____________

DONNA E’…

I tredici racconti che compongono l’ultimo libro di Luciana Navone Nosari Donna è… sono lo stadio ulteriore di un’evoluzione continua dell’autrice già presente nelle opere precedenti, siano esse poesie o romanzi. I racconti, infatti, sono cesellati da una scrittura solida, sicura nel padroneggiare le diverse sfumature intellettuali, spirituali, umane e psicologiche che costituiscono l’universo femminile, amalgamandole in diverse soluzioni stilistiche, in una sintesi armoniosa e avvincente, che conquista i cuori e le menti di lettrici e di lettori perché nascono in un’ottica di compenetrazione e comprensione tra uomo e donna o, almeno, tra gli esponenti più sensibili e intelligenti dei due sessi. L’autrice, infatti, evitando la trappola di stereotipi, luoghi comuni e falsi conformismi, dà una visione a trecentosessanta gradi della donna per quello che è in rapporto a sé, agli uomini, alla società, alle altre donne, alla natura, alla religione, alla spiritualità e alla Storia illuminandone virtù, vizi, lati in luce, lati in ombra, miserie e nobiltà. In questo senso, è esemplare il racconto che apre la serie, La cartomante, in cui una moglie sospettosa innesca un pirandelliano gioco delle parti che sfocerà in un finale beffardo e crudelmente ironico. Le due querce è un inno struggente e commovente al coraggio della donna, scolpito su un diario, che raggiunge vette di pura poesia: la protagonista, infatti, dopo aver abbracciato l’Eden nella sua essenza terrena e divina, ne è insidiosamente scacciata da una serpe lignea e insidiosa che sarà sconfitta dal frammento di divino che lei conserva nel suo cuore e che la sosterrà vincente e trionfante, nel passaggio dalla vecchia alla nuova vita. In Firmata… per sbaglio, il proprio nome, tanto detestato dalla protagonista, sarà invece la sua salvezza quando è coinvolta, suo malgrado, in un intrigo pericoloso; un racconto che miscela perfettamente tensione e ironia, racconto poliziesco e d’azione. Lettera a due amiche riprende e rielabora lo stile epistolare, narrando come la protagonista, in seguito alle vicissitudini in cui incorre a causa del battesimo di una nipotina, del primo giorno di scuola dell’altra e di due“rilassanti”giorni a Roma, scopra in chi risieda la vera amicizia. A proposito di congiuntivi è un racconto proustiano della memoria che serve alla protagonista a imparare come ostinarsi su un dettaglio possa deviare, e non sempre per il meglio, il proprio destino. Il palazzo d’epoca è un superbo incontro tra Ibsen e Pirandello, in cui l’amore totalizzante e totalitario di una donna, spinto fino all’annullamento di sé, la trasforma, dopo un’atroce scoperta, in un’erinni spietata, traboccante d’odio. L’uniforme bianca è un racconto nato dall’incontro tra gli elementi migliori della narrativa romantica e di guerra, in cui quest’ultima dalle sue atrocità genera un amore grande, eterno, assoluto, che le difficoltà affrontate rendono più forte, puro e indissolubile, suggellato da un finale toccante e commovente che muta un addio in un arrivederci tenero e delicato. Finalmente tutti d’accordo, un divertente ritratto familiare, mette in luce il provvidenziale senso pratico delle donne. E il telefono squilla… utilizza la tensione del thriller e sequenze dalla dinamica cinematografica per affrontare un tema tragicamente attuale, le molestie contro le donne. L’inferno quotidiano della protagonista è scandito dagli squilli ossessivi del telefono, che la trascinano in progressivi gironi infernali da cui uscirà verso la luce, con un inaspettato rovescio del gioco. L’autrice, in Fedeltà… sempre?, con un uso sapiente di umorismo e ironia dimostra che la coerenza mal interpretata può portare a scelte assurde, come la protagonista del racconto scopre a sue spese. Fra la gente… è un ottimo esempio di fusione tra narrativa e sociale: la protagonista, infatti, nel percorrere luoghi, quartieri e contesti diversi vede delinearsi davanti agli occhi la planimetria vivente della società nei suoi chiaroscuri, illuminati di speranza, però, dal caleidoscopio della maternità in tutte le sue sfaccettature, rilucente di vita e amore autentici. La scelta, il dialogo tra la protagonista e una suora di clausura sulla scelta di quest’ultima, è un aprirsi al divino e al mistero che pervadono la vita, e la risposta al finale spiazzante e inatteso, forse, è scritta nel cuore, a volerlo ascoltare. Conclude la serie dei racconti Quando si metteva il cotone sulle punte, un amarcord dolce-amaro sul “quando eravamo bambine”, dai toni felicemente felliniani, che non si pietrifica nel passato ma ne coglie i semi più preziosi per trapiantarli nel futuro, nella convivenza traboccante di vita dell’antico pino e del giovane abete.

Luciana Navone Nosari è riuscita a comporre un arazzo multicolore di vite, storie, destini attraversato da una polifonia di suoni, profumi, colori, che rendono foreste, città, quartieri protagonisti, e specchi che riflettono la pluralità dei caratteri femminili, e il loro effondersi tra terra e cielo, tra luce e tenebra.

Claudio Ozella

____________

 

I COLORI DEL SILENZIO 

Maddalena, già protagonista di Profumo di tiglio, si trova coinvolta – ancora una volta con gli ex compagni di infanzia – in un intricato mistero. Nel tentativo di risolverlo, s’imbatterà in altri eventi inspiegabili, si tufferà nell’atmosfera della 2° guerra mondiale e si troverà di fronte al muro elevato dai “silenzi”, dalle parole non dette, dalle cose nascoste – in un intreccio che Claudio Ozella ha definito, nella sua prefazione, un “thriller dei sentimenti” -. La protagonista scoprirà i profumi e il fascino di un rione di Villar Perosa – ël Sarèt - i cui borghigiani hanno gelosamente custodito segreti inconfessabili. Fra colpi di scena e rivelazioni inaspettate, conoscerà tradizioni e costumi di “un tempo che fu” e si batterà strenuamente per liberare i “silenzi” da una prigionia intrisa di pudori, orgogli, convenzioni.

PREFAZIONE di Claudio Ozella

Quali sono i colori del silenzio? Ce li svela Luciana Navone Nosari in un libro che è una rapsodia toccante e commovente di colori, sentimenti, sensazioni, vite. Riprendendo i personaggi di “Profumo di tiglio”, l’autrice non è caduta nella trappola accattivante della riproduzione seriale e rassicurante di effetti narrativi collaudati e stereotipati ma, invece, si è rimessa in gioco, riunendo in un solo romanzo una pluralità di temi, cesellati con perfezione pittorica in protagonisti vivi, coinvolgenti nel loro cadere, rialzarsi, lottare, piangere e amare. Il silenzio stesso assurge al ruolo di protagonista dai mille volti: simultaneamente specchio dell’anima, complice, nemico, testimone, interlocutore, in un gioco delle parti guidato con mano sapiente dall’autrice, grazie a una scrittura che può avere la dolcezza vellutata di una carezza, o l’incisività severa e tagliente di un bisturi liberatorio che incide la piaga venefica di verità nascoste sotto la coltre del tempo. Luciana Navone Nosari, infatti, ha scritto un thriller dei sentimenti che s’intreccia mirabilmente con la saga familiare, che non risparmia colpi di scena inaspettati, rivelazioni spiazzanti, in un crescendo teso ed emotivamente intenso, che cattura menti e cuori, trascinandoli e avvincendoli fino alla fine. L’autrice ha arricchito la narrazione con squarci di autentica poesia, in cui interiorità umana e natura si compenetrano, in un dialogo profondo e intenso, che si prolunga nel e verso il cielo, alla ricerca della stella più remota, la propria anima. Luciana Navone Nosari, ancora una volta, è riuscita a creare un’alchimia perfetta di prosa e poesia, riunendo e amalgamando generi letterari diversi, di cui è riuscita a distillare gli elementi migliori in un romanzo ricco, potente, che fonde insieme avventura e indagine dei sentimenti in tutte le loro sfaccettature, ritratte con tratti multicolori toccanti e commoventi sull’arazzo del silenzio.  

         _________

 

 

 

_________________

La famiglia della scrittrice:


Il marito Beppe, la figlia Sara con Massimo, Chiara Luce e la piccola Viola, il figlio Antonio e la gatta Sofia.

immagine-0124immagine-0491

immagine-015 immagine-0136immagine-016

s63006282s6300521s63012022