Da “I colori del silenzio”

Prefazione di Claudio Ozella

Quali sono i colori del silenzio? Ce li svela Luciana Navone Nosari in un libro che è una rapsodia toccante e commovente di colori, sentimenti, sensazioni, vite. Riprendendo i personaggi di “Profumo di tiglio”, l’autrice non è caduta nella trappola accattivante della riproduzione seriale e rassicurante di effetti narrativi collaudati e stereotipati ma, invece, si è rimessa in gioco, riunendo in un solo romanzo una pluralità di temi, cesellati con perfezione pittorica in protagonisti vivi, coinvolgenti nel loro cadere, rialzarsi, lottare, piangere e amare. Il silenzio stesso assurge al ruolo di protagonista dai mille volti: simultaneamente specchio dell’anima, complice, nemico, testimone, interlocutore, in un gioco delle parti guidato con mano sapiente dall’autrice, grazie a una scrittura che può avere la dolcezza vellutata di una carezza, o l’incisività severa e tagliente di un bisturi liberatorio che incide la piaga venefica di verità nascoste sotto la coltre del tempo. Luciana Navone Nosari, infatti, ha scritto un thriller dei sentimenti che s’intreccia mirabilmente con la saga familiare, che non risparmia colpi di scena inaspettati, rivelazioni spiazzanti, in un crescendo teso ed emotivamente intenso, che cattura menti e cuori, trascinandoli e avvincendoli fino alla fine. L’autrice ha arricchito la narrazione con squarci di autentica poesia, in cui interiorità umana e natura si compenetrano, in un dialogo profondo e intenso, che si prolunga nel e verso il cielo, alla ricerca della stella più remota, la propria anima. Luciana Navone Nosari, ancora una volta, è riuscita a creare un’alchimia perfetta di prosa e poesia, riunendo e amalgamando generi letterari diversi, di cui è riuscita a distillare gli elementi migliori in un romanzo ricco, potente, che fonde insieme avventura e indagine dei sentimenti in tutte le loro sfaccettature, ritratte con tratti multicolori toccanti e commoventi sull’arazzo del silenzio.